Cosa sono gli NFT – Dove comprare e come investire in NFT

Cosa sono gli NFT – Dove comprare e come investire in NFT

In questa guida scopriremo cosa sono gli NFT, la loro storia e i loro campi di applicazione attraverso una panoramica completa di tutti gli strumenti e le risorse che le blockchain di nuova generazione mettono a disposizione.

Cos’è un NFT? Tutto sui “Non Fungible Token”

In termini semplici, gli NFT trasformano le opere d’arte digitali e altri oggetti da collezione in beni unici e verificabili, facili da scambiare sulla blockchain. La loro storia nasce qualche anno fa da alcuni progetti che da subito hanno attratto investitori ed appassionati legati al mondo delle criptovalute, a tal punto da contagiare il pubblico definitivamente nel 2021 facendo esplodere il mercato legato ai token non fungibili.

Nello specifico: cosa sono gli NFT?

I token non fungibili, o NFT, appunto, sono un bene digitale collegato alla blockchain, ovvero il database alla base di criptovalute come Bitcoin ed Ethereum. A differenza degli NFT, però, questi ultimi sono “fungibili”, il che significa che possono essere sostituiti o scambiati con un altro identico bene dello stesso valore, proprio come una banconota da un dollaro.

Gli NFT, d’altra parte, sono unici e non mutuamente intercambiabili, il che significa che non possono esistere due NFT uguali. Basta pensare alle carte dei Pokémon, alle monete rare o a un paio di Jordan in edizione limitata, gli NFT attestano la rarità di beni altrimenti disponibili all’infinito, con tanto di comprovato certificato di autenticità. I “Non Fungible Token” sono dunque tipicamente usati per comprare e vendere opere d’arte digitali e possono assumere la forma di GIF, tweet, trading card virtuali, immagini di oggetti fisici, skin di videogiochi, immobili virtuali e altro.

Come si investe in NFT

Ricerca di NFT disponibili

Il primo consiglio è di scegliere un NFT che abbia un potenziale di valore positivo. L’NFT, come si è detto, può riguardare comparti come arte, musica, video o anche oggetti interni a un videogioco. Basta cercarli su Google o Twitter, visto che siti specializzati come Rarity.tools o NFTcatcher.io dispongono di una folta lista di NFT, Ethereum e Solana, anche di prossimo rilascio. Nell’osservazione dei futuri NFT, è importante notare la data della vendita, quali sono i requisiti della criptovaluta nonché il numero a disposizione, un elemento utilissimo, che ne fa meglio comprendere l’effettiva rarità. Non meno importante è una considerazione rispetto al salvataggio dell’NFT stesso, ovvero “on-chain” o “off-chain”. In quest’ultimo caso vengono utilizzati dei server centralizzati che potrebbero portare alla perdita dell’immagine in caso di problemi al server. Anche il team si configura dunque come un elemento decisivo, in quanto sostiene costantemente la crescita del valore dell’NFT. Un suggerimento, a questo proposito, è quello di diffidare degli NFT non collegati alla blockchain, assicurandosi così di potersi fidare dei “custodi” del bene. In particolare, unendosi alle chat Discord e Telegram di NFT, si può sapere di più sul progetto e farsi un’idea dei pareri e delle recensioni generali degli altri utenti.

Selezionare un broker o un exchange per acquistare criptovalute

Il passaggio successivo è l’acquisto della criptovaluta per l’NFT. La maggior parte degli NFT vengono acquistati tramite Ethereum, anche se ci sono alcune eccezioni. Si possono infatti comprare Ethereum e altre criptovalute tramite forme di brokeraggio o scambio specializzato nel settore, come Coinbase (NASDAQ:COIN), Robinhood (NASDAQ:HOOD), Gemini, Binance.US o Kraken. Per entrare più nello specifico, un brokeraggio di criptovalute è un’azienda o un individuo che agisce come intermediario per facilitare l’acquisto e la vendita delle stesse. Uno scambio, invece, è una piattaforma online dove acquirenti e venditori, – come dice la parola stessa -, effettuano scambi tra di loro in base alle attuali condizioni di mercato. Va in ogni caso tenuto presente che le commissioni sono un fattore da considerare quando si acquistano criptovalute. Per esempio, Coinbase fa pagare 0,99 dollari per uno scambio fino ai 10 dollari, – una tassa in crescita in base all’entità del valore dello scambio stesso-, mentre SoFi Active Investing può addebitare fino all’1,25% per le diverse transazioni. Le commissioni possono inoltre configurarsi come una tassa fissa di scambio oppure come una percentuale del volume di scambio di 30 giorni di un conto. Si consiglia dunque di vagliare preventivamente l’entità delle commissioni stesse, in base alle dimensioni delle transazioni che si intendono effettuare, per avere così una stima complessiva della spesa.

Selezionare un marketplace per acquistare l’NFT

Rarible Marketplace

Rarible Marketplace

Il marketplace è in pratica il luogo dove l’NFT viene comprato o venduto. Una volta trovato il marketplace idoneo alle proprie esigenze, basta registrarsi e collegare il proprio portafoglio di criptovalute. Ogni mercato ha i propri requisiti per il portafoglio cripto. Alcuni vendono l’oggetto a un prezzo fisso, mentre altri vendono gli NFT tramite asta.

I mercati popolari includono:

Nella scelta, la prima cosa da valutare è ci siano abbastanza criptovalute per portare avanti la transazione, comprese tutte le spese più rilevanti. Le commissioni possono includere anche i costi di acquisto e trasferimento di cripto, la conversione di una criptovaluta in un’altra, nonché le commissioni sul gas Ethereum. Le tariffe del gas sono in pratica quelle pagate ai cripto-minatori in cambio della potenza di calcolo utilizzata durante la registrazione delle transazioni sulla blockchain. Si suggerisce, a questo proposito, di tenere presente che il prezzo elencato o l’ultima offerta per un NFT non è il prezzo totale di acquisto. Per esempio, il costo finale di un NFT prezzato all’equivalente di 40 dollari in Ethereum potrebbe arrivare anche a 150-200 dollari, proprio a causa delle tasse sul gas Ethereum.

Top NFT

Top NFT

Quando l’NFT viene effettivamente acquistato, questo viene memorizzato in un portafoglio di criptovalute sulla stessa blockchain, su un’altra blockchain o in un deposito decentralizzato. Poiché l’NFT è digitale, è possibile visualizzarlo solo su uno schermo, spesso come parte di un sito web. Va aggiunto inoltre che, nella maggior parte dei casi, se si possiede l’NFT non si ottiene contestualmente il copyright sul bene originale, il che significa che quest’ultimo non può essere riprodotto e che non si possono citare terzi per eventuale violazione del copyright. Esempi di portafogli di criptovalute per NFT includono Cybavo, Trust Wallet, Alpha Wallet e MetaMask: questi portafogli permettono ilsalvataggio delle criptovalute e degli NFT acquistati sul mercato.

Come comprare NFT

Essenzialmente, qualsiasi immagine digitale può essere acquistata come NFT. Ma ci sono alcune cose da considerare quando se ne acquista una, specialmente se si è principianti. Va infatti deciso  su quale mercato acquistare, che tipo di portafoglio digitale è necessario per memorizzarlo e che tipo di criptovaluta sarà necessaria per completare la vendita. Alcuni dei mercati NFT più comuni includono OpenSea, Mintable, Nifty Gateway e Rarible. Ci sono anche mercati di nicchia per tipi più specifici di NFT, come NBA Top Shot per gli highlights video del basket o Valuables per mettere all’asta i tweet come quello di Dorsey (attualmente all’asta). Molto importante è anche fare attenzione alle commissioni. Alcuni marketplace fanno pagare una “gas fee”, che è l’energia richiesta per completare la transazione sulla blockchain. Altre commissioni possono includere i costi di conversione dei dollari in Ethereum (la valuta più comunemente usata per comprare NFT) e le spese di chiusura.

Tra le criptovalute più conosciute relative a metaversi ed NFT sicuramente possiamo ricordare:

Inoltre su alcune piattaforme come Binance è possibile sia comprare NFT sul Marketplace che accedere all’exchange e comprare direttamente i token delle criptovalute.

Come vendere NFT?

Gli NFT vengono venduti anche sui marketplace e il processo può variare da piattaforma a piattaforma. È essenziale caricare il proprio contenuto su un marketplace e poi seguire le istruzioni per trasformarlo in un NFT. Si potranno quindi includere alcune specifiche come una descrizione del lavoro e un prezzo suggerito. La maggior parte degli NFT sono acquistati utilizzando Ethereum, ma possono anche essere acquistati con altri token ERC-20 come WAX e Flow.

Migliori siti per comprare NFT
SitoValutazioneDeposito minimoMetodi di pagamentoLink
Binance Binance
Nessun deposito minimoVisaMastercardBonifico SEPA SITO
Bitstamp Bitstamp
20€VisaMastercardBonifico SEPA SITO
Coinbase Coinbase
150€VisaMastercardPaypalSkrillBonifico SEPA SITO
Crypto Smart Crypto Smart
Nessun deposito minimoBonifico SEPA SITO
Crypto.com Crypto.com
100$VisaMastercardNETELLERBonifico SEPA SITO
eToro eToro
200€VisaMastercardBonifico SEPA SITO
Gemini Gemini
Nessun deposito minimoVisaMastercardBonifico SEPA SITO

Vendere NFT con OpenSea

Tra le piattaforme più utilizzate per il minting e la vendita di NFT c’è sicuramente OpenSea. In questo marketplace è possibile comprare NFT e vendere NFT in pochi semplici passi, come ad esempio creare la propria collezione da zero. Riassumiamo tutti gli step per registrare il proprio account su OpenSea.

1. Collegare il tuo wallet

OpenSea Metamask

OpenSea Metamask

2. Scegliere il proprio username e wallet address

OpenSea configuare wallet

OpenSea configuare wallet

3. Cliccare su “Create”

OpenSea creare NFT

OpenSea creare NFT

4. Selezionare proprietà e blockchain da utilizzare (Ethereum, Polygon)

OpenSea creare NFT

OpenSea creare NFT

OpenSea vendere NFT senza gas fee

Notoriamente la blockchain di Ethereum viene utilizzata da sempre come blockchain per la creare e per vendere NFT, ma la blockchain di Ethereum ha dei costi di gas fee molto alti. OpenSea non prevede nessun costo per la creazione di NFT, è quindi possibile creare qualsiasi numero di NFT senza pagare alcun ETH. I costi del gas Ethereum sono considerevoli solamente quando si decide di vendere un NFT nel marketplace OpenSea. I costi possono essere anche nell’ordine dei 70€ fino a 200€, in base alla congestione della blockchain di Ethereum. E’ per questo che si consiglia sempre di riprovare e posticipare la transazione sperando che la rete sia meno congestionata.

Creare NFT sulla blockchain di Polygon

Un’alternativa a utilizzare la blockchain di Ethereum è quella di utilizzare la blockchain di Polygon, una blockchain che lavora con Ethereum e che non ha costi di fas fee come Ethereum. Creare NFT con la blockchain di Polygon permette di appoggiarsi ad una blockchain diversa da Ethereum per registrare la transazione, ma si ha comunque la possibilità di impostare un pagamento in ETH per la vendita dell’NFT. SI hanno quindi tutti i vantaggi di utilizzare una blockchain veloce e senza costi di gas, con la possibilità di impostare ETH solamente come token per le transazioni legate alla compavendita. Tutti gli ETH verrano poi trasferiti sul proprio wallet.

Perché gli NFT hanno valore?

Anche se inizialmente può sembrare difficile da capire, la ragione per cui alcuni NFT hanno un valore reale può essere spiegata. Anche se si può pensare che qualsiasi immagine digitale sia immediatamente copiabile con un rapido “clic destro, salva con nome”, gli NFT sono basati su una tecnologia crittografica che non ne permette la duplicazione. Questo è il motivo per cui la gente teoricamente gli attribuisce un valore: perché sono rari. Inoltre, quando qualcosa è fungibile, significa che può essere sostituito da un altro oggetto identico. Quando qualcosa non è fungibile, non può essere sostituito da un altro oggetto uguale.

Come funzionano gli NFT?

A un livello molto alto, la maggior parte degli NFT fanno parte della blockchain di Ethereum. Ethereum è una criptovaluta, come Bitcoin o Dogecoin, ma la sua blockchain supporta anche gli NFT, che memorizzano informazioni extra le quali le fanno funzionare in modo diverso da, per esempio, una moneta ETH. Vale la pena notare che altre blockchain possono implementare le proprie versioni di NFT.

Nel dettaglio, come funzionano gli NFT?

Se il Bitcoin è generalmente associato al denaro digitale, gli NFT sono associati alle cose. Al momento, queste cose sono appunto opere d’arte, canzoni, video, carte sportive, ecc…

Un NFT è una firma digitale unica che si può allegare a una risorsa. Che sia una canzone, un’immagine, o un pezzo di filmato, una firma digitale unica è come un’impronta digitale che contiene informazioni che riguardano ad esempio chi ha creato il bene, quando, e qualsiasi condizione sulla sua vendita futura (per esempio, se il creatore ottiene o meno una percentuale di vendita). Queste firme sono attribuite a una blockchain ovvero, come si è detto, un enorme database pubblico che traccia e registra il movimento di tutti gli asset. Se qualcuno accetta di vendere uno di questi beni, tutti i nodi partecipanti verificano e concordano che questo bene è stato venduto e la firma digitale andrà ad appartenere a qualcun altro.

È il motivo per cui il Bitcoin ha suscitato un grande scalpore quando è stato lanciato nel 2008. Era la prima volta che non si poteva semplicemente copiare e incollare qualcosa su Internet. Se si tentava di copiare o incollare un bene digitale sulla blockchain, si sarebbero create due firme digitali. Tutti i computer che verificavano e confermavano il database cambiato avrebbero rifiutato la seconda, perché la sua provenienza non poteva essere verificata.

Confermare e concordare la proprietà storica di un bene digitale è alla base del funzionamento delle blockchain. E, poiché la blockchain è pubblica, si può vedere quale portafoglio possedeva precedentemente quel bene digitale, nonché il proprietario precedente. Si può risalire dunque ad ogni bene digitale fino a chi lo ha estratto e quando. Le autorità statunitensi hanno usato la blockchain pubblica dopo che il Colonial Pipeline, un sistema di oleodotti americano, è stato violato e i criminali hanno chiesto 5 milioni di dollari in Bitcoin come riscatto. Ma, poiché ogni Bitcoin ha la propria firma digitale, e la blockchain tiene traccia di come ogni firma si muove attraverso le transazioni, le autorità statunitensi hanno rintracciato dove era finito il Bitcoin e sono state in grado di recuperare circa 2,3 milioni di dollari di quel denaro.

Gli NFT sono in circolazione da diversi anni. Si pensi al mercato dei meme non fungibili di KryptoKitties. Ma gli NFT sono decollati in tempi recenti quando la National Basketball Association negli Stati Uniti ha rilasciato card collezionabili basate proprio su NFT: le NBA Top Shots. L’NBA controllava quante card erano in circolazione e i fan, volendo possedere la carta del loro giocatore preferito, le scambiavano su un mercato basato su blockchain. Una ulteriore dimostrazione che le cose hanno più valore quando sono rare. E, poiché non si può copiare e replicare un NFT, alcune persone le considerano particolarmente preziose.

Perché le persone comprano NFT

CryptoPunks

CryptoPunks

Prima di tutto, gli investitori in NFT vedono un valore a lungo termine in essi e credono che questi saranno apprezzati nel tempo. Gli NFT sono beni digitali e possono essere qualsiasi cosa online, come oggetti d’arte e da collezione e persino meme. Alcuni progetti sono considerati rari, come CryptoPunks, che è stato uno dei primi NFT. I CryptoPunks sono molto quotati all’interno della comunità e comunemente vengono venduti a sei o sette cifre ciascuno. Molti investitori sono anche rialzisti sulla tecnologia che circonda gli NFT e tengono in considerazione, per questi, una serie di modalità d’uso. Gli NFT sono rappresentati da un codice su un libro mastro digitale decentralizzato chiamato blockchain. Ogni NFT può essere comprato e venduto, proprio come un bene fisico, ma la blockchain permette di tracciare la proprietà e la validità di ciascuno. La tecnologia è estremamente versatile e le innovazioni stanno avvenendo rapidamente, il che è eccitante per gli investitori in questo settore.

Un esempio: gli NFT hanno il potenziale di memorizzare, certificare e documentare una serie di beni e dati diversi, oltre, appunto, all’arte. Gli NFT hanno esordito con le opere d’arte che le persone usano come foto del proprio profilo, ma possono espandersi a tutta una serie di altri oggetti come passaporti, musica, biglietti aerei e persino case e automobili”, ha detto Benyamin Ahmed, un codificatore e sviluppatore di NFT. Un attuale uso lucrativo per gli NFT è quello degli oggetti di gioco, in cui gli utenti possono acquistare skin o accessori da utilizzare nei videogiochi basati su blockchain. Solo nel terzo trimestre del 2021, gli oggetti di gioco hanno generato 2,3 miliardi di dollari in volume di scambio, come ha rilevato DappRadar. Questo rappresenta il 22% del volume totale di scambio NFT.

NFT domande frequenti

Gli NFT sono file digitali che vengono “tokenizzati”, ossia inseriti in una blockchain e ai quali vengono assegnate proprietà univoche ed immutabili. Gli NFT possono essere rappresentazioni digitali di opere d’arte, brani musicali, immagini, oggetti presenti nei videogames oppure qualsiasi cosa possa essere comprata o venduta in un metaverso, ossia un mondo digitale.

Gli NFT si comprano nei Marketplace, ossia dei siti web dove i creatori di NFT mettono in vendita le proprie opere. Possono essere comprati anche partecipando ad aste, oppure scambiati direttamente da soggetto a soggetto. Ogni transazione viene registrata sulla blockchain e rimane immutabile e agganciata all’NFT per tutta la sua vita.

I marketplace danno la possibilità di “tokenizzare” i propri file digitali, ossia dopo l’upload del file vengono create delle informazioni univoche relative al file caricato che ne descrivono il proprietario, tutte le sue caratteristiche, il prezzo, e qualsiasi altro attributo prima di essere salvato in rete nella blockchain. Una volta creato l’NFT, non sarà più possibile copiare o duplicare il file originario, visto che l’identificativo digitale dell’opera è soltanto uno e sarà assegnato al suo creatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.