Arriva la fusione di Ethereum: si passa da PoW a PoS
News 15 Set 2022

Arriva la fusione di Ethereum: si passa da PoW a PoS

Il mondo delle criptovalute attendeva questo giorno da anni: la riforma della blockchain di Ethereum, il protocollo di dati della seconda più grande criptovaluta dopo il Bitcoin, ha avuto luogo questo giovedì. Le nuove monete digitali non vengono più create in base al processo di proof-of-work, ma in base al processo di proof-of-stake.

Quella che sembra una nota a margine per gli sviluppatori nerd ha in realtà importanti implicazioni per il settore delle criptovalute. Con il passaggio (chiamato anche “merge“), Ethereum dovrebbe diventare più verde, più veloce e più economico. Molti investitori ipotizzano che il prezzo dell’Ether ne trarrà beneficio. Il prezzo è già salito in modo significativo durante la fase di preparazione. Ma cosa significa la fusione e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Cosa c’è da sapere sulla riforma di Ethereum

Ethereum merge tweet

Ethereum merge tweet

La criptovaluta Ethereum ha cambiato con successo il suo processo di consenso da Proof of Work a Proof of Stake. In questo modo, la blockchain della seconda criptovaluta ha detto addio al processo di generazione di blocchi ad alto consumo energetico, il cosiddetto mining. Alle 8.44 di oggi (giovedì) è stata raggiunta la soglia definita per la difficoltà del compito di estrazione (Total Terminal Difficulty), da cui è iniziata con successo la generazione di blocchi secondo le nuove regole del protocollo.

Nel periodo precedente alla fusione, è stata introdotta la Ethereum Beacon Chain, che funzionava parallelamente alla catena principale di Ethereum e utilizzava già il meccanismo della proof-of-stake. Nel corso della fusione di ETH, la vecchia blockchain Ethereum proof-of-work è stata fusa con il sistema proof-of-stake della Bacon Chain, a seguito di test riusciti. Questo segna la conversione della mainchain della seconda criptovaluta più grande dopo il Bitcoin alla nuova procedura di consenso Proof-of-Stake. Questo annuncia anche la fine del mining di Ethereum, poiché la blockchain è ora protetta dai validatori.

Fusione Ethereum: quali conseguenze per il mercato?

Se la fusione avrà successo e non sorgeranno grossi problemi in futuro, anche il prezzo dell’Ether potrebbe aumentare grazie alla fiducia acquisita e al calo dei costi. Inoltre, gli esperti prevedono che un numero maggiore di investitori istituzionali – come Blackrock negli ultimi giorni – entrerà nel trading di criptovalute. L’aumento della domanda dovrebbe far salire i prezzi anche a lungo termine. Tuttavia, nel caso opposto, questi investitori istituzionali si asterranno dall’investire se dovessero sorgere problemi e se la futura redditività di Ethereum fosse messa in discussione. In caso di grave crollo, si verificherebbe l’esatto contrario: gli investitori fuggirebbero verso altre criptovalute o addirittura fuori dal mercato delle criptovalute. Di conseguenza, anche i prezzi crollerebbero. Quanto, tuttavia, è difficile da prevedere e dipende dall’entità e dalla portata dei potenziali problemi. In pratica, l’attuale acquisto di Ether è più che altro una scommessa sul successo della fusione nei prossimi giorni.

Gianmaria Del Grande

Gianmaria del Grande

Classe 1986, appassionato di tecnologie innovative con uno spiccato interesse per l'informatica e una vera ossessione per i libri di fantascienza. Scrive per InvestireDigitale.it dal 2020 seguendo con grande attenzione tutto il panorama delle criptovalute dal 2016.

Ultime news dal blog

Binance e Mastercard confermano la partnership sui pagamenti in criptovalute
Binance e Mastercard confermano la partnership sui pagamenti in criptovalute

Binance è uno tra i più grandi exchange di criptovalute del mondo, e già in passato aveva esplora...

Meta: ora si possono pubblicare NFT su Instagram e Facebook
Meta: ora si possono pubblicare NFT su Instagram e Facebook

Gli NFT possono ora essere pubblicati su Facebook e Instagram, a partire da Maggio alcuni profili av...

Crypto.com si ritira dalla sponsorizzazione della UEFA Champions League
Crypto.com si ritira dalla sponsorizzazione della UEFA Champions League

Il gigante degli scambi di criptovalute Crypto.com si ritira dal contratto di sponsorizzazione con l...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.