Cosa è la DeFi – Come investire nella Decentralized Finance

Cosa è la DeFi – Come investire nella Decentralized Finance

In questa guida andremo ad esplorare il mondo della DeFi e tutte le opportunità e i nuovi strumenti che la Finanza decentralizzata offre appoggiandosi ad una blockchain.

DeFi: che cosa è?

La Decentralised Finance (Finanza Decentralizzata) o DeFi, in breve, è un sistema tramite cui i clienti possono accedere a prodotti finanziari direttamente su una rete blockchain decentralizzata, dunque senza bisogno di intermediari come banche e broker. L’obiettivo è quello di democratizzare la finanza, sostituendo le istituzioni centralizzate, come le banche, con relazioni dirette peer-to-peer. Ogni servizio finanziario attualmente utilizzato – risparmi, prestiti, assicurazioni e molto altro – potrebbe dunque un giorno essere accessibile da una blockchain anziché da una banca. Questo perché le piattaforme finanziarie decentralizzate offrono un sistema alternativo, non semplicemente un plug-in per l’utilizzo degli strumenti bancari e finanziari esistenti. Queste piattaforme sono strutturate per diventare indipendenti dai propri sviluppatori e finanziatori nel tempo e per essere infine gestite da una comunità di utenti il cui potere deriva dal possesso dei token del protocollo.

Strumenti di DeFi: contratti intelligenti e DApps

I Contratti Intelligenti (o Smart Contract) sono programmi che girano su blockchain e possono essere attivati automaticamente quando si verificano determinate condizioni. I contratti intelligenti, nello specifico, aiutano gli sviluppatori a costruire funzionalità molto più sofisticate del semplice invio e ricezione di criptovalute. Per esempio, un contratto intelligente potrebbe essere utilizzato per stabilire un accordo di prestito tra due persone. Se certi termini non vengono soddisfatti, la garanzia potrebbe essere soggetta a liquidazione. Tutto questo avverrebbe automaticamente attraverso il codice del computer, eliminando dunque la necessità di ricorrere ai servizi di una banca o di qualsiasi altro intermediario. Contratti intelligenti come questi sono usati per costruire app decentralizzate, in breve DApp. Le DApp si presentano come le normali app e offrono funzioni simili. La differenza chiave è che esse sono eseguite su una rete peer-to-peer, come una blockchain, il che significa che nessuna singola entità può avere il controllo della rete.

I rischi della DeFi

Defi Pulse

Defi Pulse

La finanza decentralizzata – come il Bitcoin stesso – è ancora in una fase nascente. Secondo DeFi Pulse attualmente ( al 3 novembre, n.d.r.) il valore totale bloccato in contratti DeFi in tutto il mondo è di circa 107 miliardi di dollari. Poiché si tratta di un’innovazione recente, la DeFi presenta anche alcuni rischi e svantaggi. La DeFi è ancora bersaglio di hacker e truffe come nel caso di DeFi “rug pulls“, attraverso cui gli hacker attaccano tramite il drenaggio di un protocollo di fondi. Questo si verifica perché molte piattaforme DeFi si basano su contratti intelligenti open-source, il che dà agli hacker la possibilità di accedere alle reti più deboli. A luglio la piattaforma DeFi Poly Network è stata colpita dagli hacker, che hanno messo a segno il più grande furto di criptovalute mai avvenuto, rubando 613 milioni di dollari in monete digitali, per poi restituire token del valore di 260 milioni di dollari in meno di un giorno. Nessun backup: Proprio come i conti bancari, i DeFi e i portafogli di criptovalute devono essere protetti con chiavi private. Una chiave privata è un lungo codice unico conosciuto solo dal proprietario del portafoglio stesso. Ciò significa che, nel caso in cui venga persa la propria chiave privata, non c’è alcun modo di recuperare i propri fondi.

DeFi crypto: dove acquistare token DeFi

Numerosi exchange consentono di acquistare e vendere criptovalute DeFi. Tra questi Coinbase, Gemini, eToro e Voyager sono tra le opzioni più affidabili. Tutti questi exchange offrono il massimo della sicurezza nel settore, garantendo all’utente la totale protezione e affidabilità.

Piattaforme DeFi

Ecco alcune delle migliori piattaforme per acquistare token e investire in DeFi:

Migliori siti per comprare criptovalute DeFi
SitoValutazioneDeposito minimoLink
Gemini Gemini
Nessun deposito minimo SITO
eToro eToro
200€ SITO
Crypto.com Crypto.com
100$ SITO
Coinbase Coinbase
150€ SITO
Bitstamp Bitstamp
20€ SITO
Binance Binance
Nessun deposito minimo SITO
Crypto Smart Crypto Smart
Nessun deposito minimo SITO

Coinbase è una scelta ottimale per i nuovi investitori, in quanto presenta un’interfaccia utente estremamente semplice e intuitiva. Inoltre, Coinbase Earn regala criptovalute gratis agli utenti, consentendo loro di comprendere al meglio il funzionamento della tecnologia blockchain. Un’altra valida opzione è Gemini. Se si vuole investire in criptovalute a lungo termine, Gemini offre infatti servizi utili per aiutare l’utente a far crescere passivamente il proprio portafoglio. La piattaforma dispone di un programma chiamato “Gemini Earn” che consente di guadagnare interessi sulle criptovalute detenute nel proprio conto Gemini. L’interesse viene pagato nella criptovaluta posseduta, quindi si possono accumulare passivamente più token tramite “Gemini Earn”.

Come investire in DeFi? Guadagnare un reddito passivo con la DeFi

La Finanza Decentralizzata (DeFi) ha aperto un mondo completamente nuovo a tutti quegli utenti i quali, per decenni, hanno cercato i propri rendimenti nella finanza tradizionale. Il potenziale di guadagno passivo ottenibile dalla DeFi è vasto, e le opportunità abbondano all’interno di questo spazio di piattaforme, protocolli e scambi in continua evoluzione. Tuttavia, come anticipato questo nuovo terreno di sperimentazione non è privo di insidie e rischi. Ecco dunque alcune indicazioni utili a comprenderne meglio il funzionamento.

Depositare cripto in DeFi per un APY

PancakeSwap Staking

PancakeSwap Staking

Il modo più semplice per guadagnare un reddito passivo attraverso DeFi è quello di depositare la propria criptovaluta su una piattaforma o un protocollo che pagherà un APY (rendimento percentuale annuale) per essa. Si tratta di un meccanismo simile al deposito di denaro su un conto di risparmio in una banca tradizionale, anche se in gran parte del mondo sviluppato i tassi di interesse sono ormai una cosa del passato, grazie alla prolifica stampa di denaro da parte delle banche centrali nel corso dell’ultimo decennio. Il deposito su una piattaforma DeFi può essere fatto con una grande varietà di monete e gettoni, ma non Fiat (valuta tradizionale). Un primo passo necessario è dunque quello di comprare qualche criptovaluta usando un Fiat On-Ramp (cioè comprando crypto con contanti). Prima di comprare la criptovaluta, però, va tenuto presente che, poiché la maggior parte della DeFi opera sulla blockchain di Ethereum, il Bitcoin (BTC) non è tipicamente accettato.

Scelta del token e del protocollo

La maggior parte dei protocolli DeFi richiede di depositare un token Ethereum (ERC-20) per guadagnare un APY (Annual Percentage Yield) . Si potrebbe ad esempio utilizzare la valuta nativa di Ethereum, Ether (ETH), o – più comunemente – una stablecoin come DAI o USDT, poiché non soggette alla volatilità del mercato. Esiste però anche una versione Ethereum di Bitcoin, ovvero WBTC, il cui prezzo è ancorato alla più nota criptovaluta. Per scegliere quale moneta o token depositare, si consiglia di comparare e valutare i diversi rendimenti offerti dai vari asset. La crescita di DeFi nell’ultimo anno ha portato a una proliferazione di protocolli, e può dunque essere difficile sapere quale scegliere. Lo strumento “Earn Income” di DeFi Pulse permette agli utenti di cercare le piattaforme DeFi per asset, e ciò rappresenta una notevole facilitazione. Una volta deciso quale token depositare, si può comprare e scambiare utilizzando una tipologia di scambio centralizzato o decentralizzato. Attualmente esistono anche una serie di aggregatori che possono aiutare l’utente a trovare il miglior tasso di cambio per la propria criptovaluta, come ad esempio 1INCH.

Liquidità mining e yeld farming

Il guadagno di interessi sul proprio patrimonio DeFi non è però l’unico beneficio ottenibile per mezzo della Finanza Decentralizzata. Il passo successivo verso l’accumulo del reddito passivo è il Mining di Liquidità, o Yield Farming. Uno dei metodi utilizzabili è quello di puntare o scambiare qualsiasi ricompensa che si ottiene per il deposito della cripto: tipicamente il token nativo di qualsiasi protocollo o piattaforma attraverso cui si è depositato. Questi token di governance spesso danno ai possessori il diritto di votare sui cambiamenti di quel determinato protocollo, un aspetto che ha reso molti di questi particolarmente preziosi sul mercato secondario. Di solito esistono due principali opzioni di scelta:

  • puntare i token tramite il protocollo di emissione, per ottenere ulteriori ricompense
  • oppure scambiarli su un exchange (i DEX decentralizzati come Uniswap li hanno tutti elencati, mentre alcuni scambi centralizzati supportano quelli più popolari)

Si può, ad esempio, scegliere di scambiare un token DeFi con una stablecoin tramite cui poter ottenere un più ampio margine di interessi.

Boost tramite lending e borrowing

Alpha Finance DeFi

Alpha Finance DeFi

Un’altra modalità per accumulare il reddito passivo DeFi coinvolge il prestito di un token o di una moneta da una piattaforma che si può poi rimettere nella stessa o in un’altra piattaforma per ottenere le ricompense. Se si possiedono Bitcoin, ad esempio, è possibile prima scambiare 1.000 di BTC con WBTC ed effettuare un deposito su un protocollo DeFi per un APY dello 0,5%. Si tratta di un piccolo margine di ritorno ma, in virtù del deposito di quel BTC, si è in grado di ottenere un prestito garantito – che può arrivare anche al 75% del valore del proprio BTC (750 $) -, per un’altra moneta o token che sta offrendo un alto rendimento in quel momento. È possibile inoltre prendere quel prestito e depositarlo (o prestarlo). Così facendo, viene sbloccato un ulteriore 75% del valore del proprio BTC, in modo da guadagnare più reddito passivo. Nel frattempo si continua anche a beneficiare della crescita del capitale del bene originale – che, nel caso di BTC, di recente è stata piuttosto forte -, così come degli interessi e dei token nativi/governativi, i quali si possono poi puntare tramite la piattaforma oppure scambiare su un DEX, così da favorire una maggiore liquidità di estrazione.

Rischi e pericoli del reddito passivo

Il processo di cui sopra può tecnicamente essere portato avanti all’infinito, dando luogo al notoriamente complesso ecosistema DeFi. Quanto sopra delineato è infatti solo una parte di tutte le attività che gli utenti esperti sono in grado di portare avanti in DeFi, dove la leva e i derivati possono essere utilizzati per aumentare i rendimenti fino a ben 15 volte. Come ci si potrebbe aspettare, tuttavia, tutto questo potrebbe comportare dei rischi, particolarmente elevati per coloro che partecipano al Mining di Liquidità a più livelli. Molteplici sono i rischi per quegli utenti che detengono beni all’interno di numerose piattaforme, non ultime le potenziali perdite da exploit di “contratti intelligenti” (noti anche come “flash hack”), così come le alte commissioni di transazione (ci si riferisce al Gas Ethereum), in particolar modo quando la rete Ethereum è congestionata. Tali commissioni possono infatti sottrarre enormi porzioni dei propri rendimenti. Un ulteriore rischio è rappresentato inoltre dalla cosiddetta “impermanent loss” (perdita impermanente), che si verifica quando il prezzo dei propri asset cambia rispetto al momento del deposito. Inoltre, con gli interessi che oscillano su base giornaliera, spesso diminuendo con l’aumento degli utenti, è possibile rimanere bloccati in un’operazione poco redditizia.

FAQ

La finanza decentralizzata (DeFi) è un recente progresso tecnologico in cui gli utenti possono autonomamente effettuare transazioni e fornire/ricevere servizi finanziari attraverso algoritmi o contratti intelligenti piuttosto che attraverso intermediari come banche, broker o compagnie di assicurazione. La tecnologia ha il potenziale per trasformare la finanza come la conosciamo, risolvendo i problemi chiave della finanza tradizionale come la mancanza di inclusione nelle banche, gli alti costi di prestito, le pratiche bancarie poco chiare e la mancanza di interoperabilità tra i diversi servizi finanziari che usiamo regolarmente.

Le spese di transazione di Ethereum, chiamate Gas, possono essere costose, a seconda dei casi. Le tariffe del Gas dipendono dalla potenza di calcolo della transazione e dalla congestione della rete in un dato momento. Per effettuare una transazione su Ethereum, il costo è di circa 10 dollari, mentre per il trading e il prestito su Ethereum potrebbe essere necessario pagare più di 100 dollari, specialmente nei momenti di punta.

A causa di queste alte commissioni, non è molto conveniente utilizzare DeFi su Ethereum, a meno che non si stiano gestendo alte cifre (almeno qualche migliaio di dollari). Fortunatamente le soluzioni di livello 2 come Polygon, Optimism e Arbitrum riducono notevolmente le commissioni Gas, quindi è possibile investire una quantità di denaro molto inferiore. Anche un investimento di 100 dollari può essere sufficiente e ragionevole tramite le soluzioni di livello 2, consentendo dunque di cominciare a investire con una qualsiasi quantità di capitale iniziale.

1 commento su "Cosa è la DeFi – Come investire nella Decentralized Finance"

  1. hotshot bald cop ha detto:

    Wonderful views on that!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.